i Calora a Castro

Il gruppo pare riassumersi tutto sul capostipite Giuseppe. Oltre ad alcuni classici intrecci con una famiglia Lazzari, tutto sommato comuni nella comunità, il gruppo presenta una peculiarità rispetto agli altri clan familiari di Castro che al contrario dei Calora dovremmo definire “iper-stanziali”. I Calora contraggono matrimoni con soggetti che non si riferiscono all’areale locale ma addirittura fuori regione a testimonianza di continue emigrazioni di lavoro in Basilicata o nel Tarantino. I matrimoni hanno creato stabili rapporti tra i soggetti emigrati per matrimonio e ancora oggi si riscontrano matrimoni tra le stesse parentele nonostante le notevoli distanze.

 

Da evindenziare il doppio matrimonio di Vitantonio, nome ancora trasferito alla discendenza. Da segnalare pure il matrimonio di Calora Nicolina con Angelo “Salamone” Lazzari da cui nascerà Antonio, figlio maschio unico ma con numerosa discendenza (“Nicolini”).